La Fortezza di Castelfranco

Il forte di Castelfranco si trova sull'altura del Gottaro ed è collocato in una posizione strategica, tale da consentire di dominare il litorale della Caprazzoppa fino a Capo San Donato.
Il complesso fortilizio, che risale alla seconda metà del XIV secolo, ha subito nel corso dei secoli fasi alterne di distruzione, ricostruzione, ampliamento e ridimensionamento e, attualmente si articola in una pianta a forma stellata, a stretto contatto con l’abitato del centro di Finale ad una quota di circa 26 metri sopra il livello del mare.
Nella prima metà del Trecento, nel contesto degli scontri tra Guelfi e Ghibellini, si giunse alla prima guerra tra i Marchesi Del Carretto e la Repubblica di Genova, che risultò vincitrice nel 1341. La Repubblica decise nel 1365, la costruzione di una potente fortezza, appunto Castelfranco, con l’obiettivo di creare una testa di ponte all’interno dei possedimenti dei Marchesi che, dal canto loro tentarono a più riprese di entrarne in possesso. Nemmeno la sanguinosa guerra tra Genova e Finale che nel 1448 comportò la distruzione del Borgo e della torre centrale di Castelfranco pose fine alla contesa.
Castelfranco subì nuove demolizioni nel 1558 e nel 1564; ripristinato entrambe le volte divenne residenza del Barone Beccaria, che nel 1602 lo consegnò alla Spagna.

Gli spagnoli fecero di Castelfranco il perno del loro sistema difensivo: tra il 1645e il 1652 fu edificata una potente cintura di forti e di bastioni, oggi tutti distrutti. Tra il 1674 e il 1677 furono effettuati altri lavori sotto la direzione dell’ingegnere Beretta e per ultimo nel 1681 si costruì il forte di Legni, quadrato con quattro bastioni, fossato e strada coperta. Nel Settecento in seguito alla guerra di Successione spagnola ed al trattato di Ultrech (1713) Genova poté sanare la vecchia piaga e insediarsi nel Finale, attuando nel 1714 l’abbattimento di Castel Gavone. Per quanto riguarda Castelfranco furono risparmiati il bastione della Mezzaluna e il torrione centrale di San Bartolomeo, di forma ottagonale risalente al Medioevo.
Castelfranco fu attivo come fortezza ancora nel 1745, quando respinse l’attacco di quattordici navi inglesi.
Nel secolo scorso fu adibito (sotto il Regno di Sardegna) dapprima a carcere, poi a infermeria del reclusorio e subì ampie trasformazioni.

Dal 9 marzo 1938 il castello è di proprietà del Comune di Finale Ligure e propone un intensa programmazione culturale consultabile nel sito www.fortezzadicastelfranco.com