La Grotta della Strapatente

Grotta Strapatente uscita
Grotta Strapatente uscita

Situata sotto alla bianca grande falesia chiamata Bastionata di Boragni la grotta della Strapatente è una galleria naturale risalente al periodo del Miocene. All’interno si è circondati da numerose stalattiti e stalagmiti ed anche da colonne completamente formate. Al centro della sala principale è visibile una stalagmite alta circa un metro. Molto suggestivo sentire e vedere gocciolare l’acqua calcarea, ma attenzione a non toccare le concrezioni in quanto il residuo di grasso nella pelle umana può disturbare la loro crescita. All’uscita a sud si gode di un bel panorama sulla verde e selvaggia Val di Nava.
Sopra l’ingresso nord della grotta si trova il Dolmen della Strapatente, una struttura megalitica risalente all’età del Bronzo. Il manufatto è costituito da una grande lastra orizzontale in Pietra del Finale poggiante su cinque pietre più piccole. La superficie orizzontale presenta due bacinetti comunicanti, probabilmente coppelle per la raccolta di liquido a scopo rituale. Non è da escludere che il dolmen potesse essere utilizzato anche come osservatorio astronomico visto il suo orientamento sull’asse meridiano.
Attraversando l’intera grotta (non dimenticate lampada frontale o torcia elettrica) e sbucando sul versante  opposto del costone e riprendendo il sentiero si arriva alla suggestiva Grotta dei Balconi, quasi un arco naturale segnalato da muretti a secco.

Altare Strapatente sulla sommità dell'Arma Strapatente
Altare Strapatente sulla sommità dell'Arma Strapatente
Panorama dall'ampio ingresso della Grotta dei Balconi
Panorama dall'ampio ingresso della Grotta dei Balconi


Itinerario